Lo spettacolo – Adamantino e i segreti di Natale

Una favola moderna che racconta del magico mondo di Lumen, città dell’Immaginazione.

“Adamantino e i segreti di Natale” apre i canali della fantasia e della creatività radicandosi su temi come la famiglia, il primo amore e la responsabilità.

Natale-Larvala - Adamantino e i segreti di Natale
Con Sofia Bròcani – Flavia Martino – Michele Nardi – Nicolò Matricardi – Francesco Mauri – Matteo Pierandi
Regia Filippo Mantoni – Aiuto regia Laura Pettinelli
Scenografia Riccardo Lenci – Costumi Paola Sartini – Colonna sonora Gioele Bellagamba
Editing audio Mattia Massimi – Vocal coach Chiara Marangoni – Voce narrante Lodovico Zago

TRAMA

Adamantino Adami vive con sua madre Gilda Poloni-Meyer e trascorre gran parte del suo tempo da solo in soffitta, tra i libri. Il papà, Romeo Adami, è scomparso misteriosamente da cinque anni e lui sogna di ritrovarlo. L’occasione si presenta proprio il giorno di Natale, quando dallo sconosciuto che vive nel bosco riceve il messaggio: “So dov’è tuo padre”. Per Adamantino è arrivato il momento di sapere la verità; in compagnia di Stella, la ragazza di cui è innamorato, anche lei alla ricerca di sua zia, scoprirà di avere un nonno costretto a vivere nascosto a causa di una scomoda eredità…

NOTE DI REGIA

L’immaginazione è la linfa di Adamantino e i segreti di Natale, una forza che permea tutti i momenti, quelli più reali, o meglio realistici, e quelli affidati invece alla libera fantasia. Le Atmosfere si alternano in giochi di ombra e luci, proprio come nella vita nero e bianco, dolori e gioie, successi e perdite creano la sostanza del nostro percorso, che può essere vissuto in prima persona, ma anche da fuori da sé, dandosi la possibilità di tornare all’adolescenza per un attimo, sentire di nuovo l’esigenza di volere qualcosa quali che siano le difficoltà: riscoprire, in una parola, l’intraprendenza. Sogni ed immagini diventano reali in Adamantino e i segreti di Natale, dove l’allestimento, basato sull’artigianalità del prodotto e sul recupero di materiali poveri, ci porta in contatto con un’estetica del grezzo che non è rimedio, ma risorsa, veicolo per riportare alla luce le nostre origini. Sullo sfondo l’ambientazione natalizia che ha la storia ha per impostazione di base, non fa che assumere ancor più significati e rimandi ad un mondo che è speranza di unione, amicizia e amore; il Natale di Adamantino sarà scoperta, sarà esperienza del nuovo, ma soprattutto riscoperta della bellezza che ci circonda, come un cielo ammirato a lungo che ci dona poi una meravigliosa cometa.

 

Date Natale 2017

16 dicembre – Teatro Portone di Senigallia (An) [ore 21.15] – Biglietti online!

17 dicembre – CineTeatro Sala Europa di Monte San Pietrangeli (Fm) [ore 17.00] – Informati qui.

23 dicembre – Teatro dell’Iride di Petritoli (Fm) [ore 21.00] – Per prenotare clicca qui.

28 dicembre – Teatro Alaleona di Montegiorgio (Fm) [ore 17.30] – Biglietti online!